Oggi parleremo dell’X-Lam: il sistema costruttivo più performante e innovativo per questa tipologia di edifici. La parola X-Lam è un’abbreviazione per Cross Laminated Timber, ossia legno lamellare a tavole incrociate. Partiamo dalle origini: la tecnica costruttiva a X-Lam è relativamente recente, prende piede alla fine degli anni ’90, soprattutto in Germania e Austria, ma si è imposta velocemente sul mercato europeo e mondiale perché tecnologicamente all’avanguardia e, in più, permette di costruire edifici in legno, anche su più piani, in assoluta sicurezza.

In Italia, in particolare, si è diffusa dopo il tragico terremoto dell’Aquila del 2009 proprio per le sue importanti proprietà antisismiche.

Oltre che con l’abbreviazione inglese, negli ultimi anni si sono diffusi anche altri nomi con cui questo sistema costruttivo è conosciuto nelle varie parti d’Europa: come CLT (Cross Laminated Timber), un’altra variante inglese, o KLH (Kreuz Lagen Holz), in tedesco.

Ma in cosa consiste, esattamente, una struttura in X-Lam?

Gli X-Lam sono pannelli in legno massiccio a strati incrociati, composti da più lamelle (o tavole), sovrapposte o incollate una sull’altra in modo che la fibratura di ogni singolo lamella sia ruotata nel piano di 90’ rispetto alle lamelle adiacenti (ossia agli strati che si trovano sotto e sopra).

Gli strati devono essere almeno 3. Molto comune è trovare anche tavole da 5 o 7 strati. La cosa importane è che comunque le lamelle che formano le tavole siano sempre in numero dispari.

La disposizione incrociata a 90’ delle tavole che formano i singoli strati fa sì che i rigonfiamenti e le distorsioni, tipiche del legno, siano ridotte a valori talmente bassi da essere trascurabili.

Inoltre, incollare le tavole con le direzioni delle fibre incrociate, permette di utilizzare i pannelli di X-Lam sia come elementi per le pareti sia come elementi per i solai e le strutture orizzontali.

Infatti, i pannelli, di forma rettangolare, non hanno limiti di dimensioni, se non quelli legati alle esigenze di trasporto. Questo significa poter usare pannelli unici per intere pareti. Senza contare l’enorme vantaggio di poter essere tagliati già in fase di realizzazione in base alle esigenze: per far spazio a porte o finestre, per seguire il profilo muri particolari o per adattarsi a vani scala, ad esempio.

Generalmente, il tipo di legno utilizzato per creare le tavole di X-Lam proviene da alberi di Abete o, in alternativa, di Pino. Questo perché sono gli unici con le corrette proprietà di resistenza alle sollecitudini e allo scorrere del tempo, per costruire case che durino per sempre.

Inoltre, il legno di conifera, se sottoposto a un processo di essicazione particolare, può raggiungere un grado di umidità del 12%. Questa soglia così bassa fa sì che il legno acquisti una naturale protezione dalle erosioni e dai danni che agenti biologici come muffe, funghi o insetti possono causare normalmente al legname.

La struttura esterna di una casa costruita in X-Lam
La struttura esterna di una casa costruita in X-Lam

X-Lam: quali caratteristiche lo rendono così innovativo?

Le costruzioni in X-Lam hanno anche delle proprietà tecniche davvero uniche, che ne garantiscono una durabilità e una sicurezza senza eguali:

  • RESISTENZA AL FUOCO. Le strutture in X-Lam, in legno massiccio e a strati incrociati, hanno una capacità di resistenza al fuoco ben superiore alle normali costruzioni in legno. Senza contare che è superiore perfino alle costruzioni in acciaio e in calcestruzzo.

La resistenza maggiore è dovuta al fatto che il legno è un ottimo isolante perché conduce il calore 300/400 volte più lentamente rispetto, ad esempio, all’acciaio.

La diretta conseguenza di condurre più lentamente il calore è che le superfici in X-Lam impediscono una carbonizzazione veloce permettendo di avere più tempo per evitare che il legno venga completamente consumato, senza contare che il primo stato carbonizzato, anche se non si direbbe, aiuta ad impedire che l’ossigeno e quindi le fiamme arrivino al legno ancora non bruciato.

In questo modo è possibile che l’ossatura portante non subisca danni, o quasi, tanto da poter essere recuperata, come dimostrano i test condotti da CNR-IVALSA tra il 2006 e il 2007 in Giappone con il progetto Sofie.

Tutte queste caratteristiche fanno anche sì che gli edifici e le case in X-Lam rispettino le più stringenti normative a tema antiincendio. Garantendo, quindi, in caso d’incendio la sicurezza necessaria affinché possa verificarsi l’evacuazione di tutti coloro che vi sono al suo interno.

  • RESISTENZA AL SISMA. Anche in caso di sisma, gli edifici costruiti in X-Lam, grazie alla loro struttura, possono garantire prestazioni eccezionali. Le costruzioni in X-Lam, infatti, pur essendo formate da un sistema rigido hanno una grande resistenza alle scosse di terremoto.

Per le loro proprietà di dissipazione dell’energia generata dal sisma, che viene incanalata da tutti quegli elementi metallici, come viti, piastre o giunti, che, grazie alla loro duttilità, non rischiano di spezzarsi e quindi di portare al crollo dell’edificio.

Come ha ampiamento dimostrato la costruzione di 7 piani in X-Lam costruita per il Progetto Sofie in Giappone, di cui potete vedere i test qui.

  • EFFICIENZA ENERGETICA. Tutti gli edifici in X-Lam sono progettati e realizzati tenendo ben presente l’importanza del risparmio energetico. Grazie alle qualità già intrinseche del legno, i soli pannelli possono garantire un ottimo potere isolante. A questo poi si aggiunge il cappotto, in fibra di roccia, altamente coibentante che viene posto sul lato esterno dei pannelli e poi intonacato.

Questo permette una coibentazione dell’edificio doppia (legno + cappotto) e, di conseguenza, la garanzia per chi lo abita di spendere molto poco sia per il riscaldamento che per il raffrescamento.

  • SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE: Le costruzioni in X-Lam appartengono al mondo della Bioedilizia, oltre che del risparmio energetico. Questo perché, l’uso del legno per creare la struttura portante, i solai e le pareti, significa usare un materiale naturale e rinnovabile, oltre che abbondante. Una scelta precisa per la salvaguardia del clima del nostro pianeta.
Casa in legno con struttura in X-Lam
Casa in Legno con struttura in X-Lam – vista laterale
  • PIU’ METRI QUADRI. Nel confronto con gli edifici in calcestruzzo, le costruzioni in X-Lam garantiscono una superficie netta più grande. Tanto da guadagnare quasi il 6% a parità di superficie lorda.
  • ISOLAMENTO ACUSTICO. Le proprietà intrinseche dei pannelli unite ai materiali con cui viene coibentata la casa, garantiscono il massimo comfort per quel che riguarda l’acustica tanto da superare anche i più rigidi limiti delle leggi in vigore al momento.
  • VELOCITA’ D’INSTALLAZIONE. Costruire una casa in legno con i pannelli in X-Lam permette di montare la struttura portante in pochi giorni o poche settimane. Non mesi come, invece, accade quando si costruiscono case in muratura.
  • COSTI CERTI. Grazie alla prefabbricazione dei pannelli nei laboratori e nelle segherie e a una precisa calendarizzazione delle varie fasi di costruzione, non c’è il rischio d’incorrere in costi non preventivati o in cattive sorprese.
  • DURABILITA’ NEL TEMPO. Contrariamente a quanto si pensa, le case in legno non hanno nulla da invidiare a quelle in cemento quando si parla di durabilità nel tempo. Il degradamento del legno per le abitazioni, infatti, è qualcosa di molto raro. Si verifica solo quando non si usa legname di qualità e correttamente essiccato e pretrattato; quando questi procedimenti vengono eseguiti, come accade sempre durante la preparazione delle tavole di X-Lam una casa in legno dura tranquillamente molti secoli.

E con quest’ultima importante qualità dell’X-Lam chiudiamo questo nostro articolo di approfondimento su questo sistema innovativo di costruire case in legno. P=er scoprire come lavoriamo con l’X-Lam potete visitare il nostro sito, cliccando qui.